DOLCE KOSHER

Mino Zarfati
Proprietario
Owner

Nel 2000, vicino Villa Doria Pamphilj, dove nel tempo si è formata un’altra comunità ebraica accanto a quella del ghetto, nasce “Dolce Kosher”: la prima pasticceria kosher di Roma che si è conquistata una vasta clientela di affezionati. Dopo essere stata ampliata con l’angolo bar, nel 2004 è stata arricchita di un settore per la ristorazione self service e servizio di catering. Da lì a una nuova trasformazione il passo è stato breve: la tavola calda del pranzo diventa, la sera, un piacevole ristorante con luci soffuse e musica di sottofondo. Il menu si arricchisce di proposte raffinate come il risotto alla pescatora, le mezze maniche alla cernia in salsa rosa e il salmone al pepe verde. Alla cucina tradizionale si affiancano piatti di altre tradizioni con l’idea di renderli kosher, ovvero “adatti”. Tra questi: crêpes ai funghi, cannelloni ripieni di ricotta e spinaci, melanzane alla parmigiana, couscous, e il famoso tortino di riso alla Letiziola, che prende il nome dalla signora Letizia, detta Zi’ Letiziola che da sempre controlla tutte le fasi della produzione e della vendita e vigila affinché tutto ciò che esce dalla cucina rispetti la freschezza degli ingredienti e le ricette della tradizione ebraica imparata dalla nonna. Il dolce più richiesto è il millefoglie che può essere anche parvè cioè senza latte. Il punto di forza di Dolce Kosher è la lunga tradizione di produzione artigianale. Si producono in casa anche il pane, i gelati e i cioccolatini. Tutto rigorosamente kosher.

In the year 2000, near Villa Doria Pamphilj, where a large Jewish community has settled over the years, “Dolce Kosher” opened. It was the first kosher bakery in Rome and immediately won over a large and devoted clientele. After a bar was added in 2004, it was improved further with a self-service restaurant and a catering service. It was a short step from there to another change: the lunch counter was transformed in the evening into a pleasant restaurant with soft lights and background music. The menu was enriched with more refined dishes such as seafood risotto, pasta with grouper in pink sauce and salmon with green pepper sauce. The traditional cuisine is accompanied by dishes from other traditions, with the idea of making them kosher that is, “adapted” or “pure”. Among these are mushroom crepes, eggplant parmesan with couscous, Roman style artichokes of course, and Letiziola’s rice cake, which takes its name from Mino’s mother Letizia, known as Zi’ Letiziola, who always oversees each stage of production and sales and makes sure everything that comes out of the kitchen is made from fresh ingredients and follows the traditional Jewish recipes she learned from her grandmother. The most popular cake is undoubtedly the mille-feuille, which can also be parev, without milk. The strength of Dolce Kosher is its long tradition of homemade products. Even the bread, ice cream and chocolates are made by hand. Everything is strictly kosher.


DOLCE KOSHER
Ristorante di latte


Via Fonteiana 18 A/B/C/D, 00152 – Roma
Telefono: +39 06.5809940
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Web: www.dolcekosher.it
Orari di servizio: 06.00 / 24.00 continuato
Giorno di chiusura: venerdì a cena e sabato a pranzo
Posti disponibili: 50
Prezzo al pubblico: €20,00 / €25,00 pranzo, circa €35,00 cena
Certificazioni Kasher: HALAV ISRAEL / HALAV AKUM / AFIAT ISRAEL / PAT ISRAEL
Ente Certificatore del servizio: O.U. / O.K. / CERTIFICAZIONE LOCALE
Ente Certificatore prodotti venduti o base per somministrazione: O.U. / O.K. / STAR K / CERTIFICAZIONE LOCALE



PER PROVARE LA CUCINA KOSHER:
Tortino di riso alla Letiziola

A SAMPLE OF KOSHER COOKING:
Letiziola’s rice cake

Download in PDF

Download BROCHURE in formato: ".pdf"
   (5,7 Mb - 5.700 Kb)
Download PROGRAMMA in formato: ".pdf"
   (0,5 Mb - 500 Kb)



Per saperne di più

image Con il termine baccalà si indica il merluzzo bianco (Gadus morhua) conservato sotto sale. La salagione è una procedura che consente...
 
image La storia di questo dolce è piuttosto dubbia. Il termine Beridde, in giudaico-romanesco, significa “patto”. Può riferirsi sia al patto...
 
image Il carciofo romanesco è una pianta erbacea poliennale, provvista di rizoma sotterraneo, dalle cui gemme si sviluppano fusti ramificati...